L’importante è costruire…

Nuovo 300x192 Limportante è costruire...In questi giorni chi percorre la trafficata via X Aprile attraversando il territorio comunale cotignolese può notare l’ennesima “urbanizzazione”.

Si tratta ufficialmente di:” …iniziativa privata per l’utilizzazione di un terreno a destinazione produttiva, tecnico distributiva..” come da deliberazione n. 6 del 28/01/2016 della giunta comunale.

In realtà quel che si va concretizzando non è una eccezione e ben poco stupisce o tange i frettolosi pendolari motorizzati transitanti in loco, ma colpisce e sconcerta chi è sensibile ed attento alle vicende che influenzano in profondità la qualità dell’esistenza collettiva locale e globale. Continua a leggere

Recuperiamo il Parco del Loto

Loto2 300x224 Recuperiamo il Parco del LotoIl Parco del Loto di Lugo, Area di Riequilibrio Ecologico istituita con la Delibera del Consiglio Provinciale n. 36 del 29/03/2011, si sta rapidamente trasformando da un piccolo gioiello e vanto della città, a un luogo di degrado e malagestione. Questa è la triste storia del nostro bellissimo parco a vocazione naturalistica inserito nell’ambito urbano di Lugo.

Abbiamo così assistito negli ultimi anni a un progressivo abbandono del parco, con gli arredi danneggiati non ripristinati (staccionate, torrette di osservazione, panchine, aula didattica all’aperto), sentieri scomparsi a causa della marcata gestione della vegetazione, il giardino officinale (c’era anche quello!) di cui rimane ormai un cumulo di erbacce, eliominazione del bagno pubblico e tanto altro. E quando un luogo risulta abbandonato, il degrado regna sovrano. L’ultimo taglio di parte del canneto e di molte delle siepi presenti (vegetazione espressamente tutelata dalla Delibera Provinciale e dalle Linee Guida Regionali sulla gestione delle Aree di Riequilibrio Ecologico) e solo l’ultima goccia. Continua a leggere

Parco del Loto sotto attacco

Loto 300x224 Parco del Loto sotto attaccoL’ufficio tecnico del Comune di Lugo sta “curando” con tagli invasivi e non idonei la gestione del Parco del Loto.

Quest’area, riconosciuta per legge come Area di Riequilibrio Ecologico (Delibera del Consiglio Provinciale n. 36 del 29/03/2011, Allegato C), avrebbe bisogno di un piano di gestione che non c’è e non solo viene abbandonata a sé stessa, ma periodicamente subisce le devastazioni perpetrate dal Comune di Lugo.

L’ultima è stata la parziale distruzione del canneto ripariale di questi giorni e i numerosi interventi di taglio delle siepi, tutt’ora in atto.

Continua a leggere

Referendum in Italia ed elezioni in Austria

gfx 300x200 Referendum in Italia ed elezioni in AustriaI VERDI DELL’EMILIA-ROMAGNA SALUTANO CON SODDISFAZIONE L’ELEZIONE DI ALEXANDER VAN DER BELLEN A PRESIDENTE DELL’AUSTRIA E LA VITTORIA DEL ‘NO’ NEL REFERENDUM COSTITUZIONALE

I Verdi dell’Emilia-Romagna salutano con grande soddisfazione la vittoria del Verde Alexander Van der Bellen nelle elezioni di domenica 4 dicembre per la Presidenza della Repubblica austriaca. Una grande vittoria basata sull’europeismo e sulle tematiche eco-sociali, resa possibile dalla convergenza anche del sostegno socialdemocratico e popolare e dal protagonismo di innumerevoli comitati e gruppi di base animati dalle giovani generazioni e dalle donne, che hanno portato un contributo decisivo al risultato positivo.

Nella stessa serata di domenica i Verdi hanno salutato con soddisfazione anche la schiacciante vittoria dei ‘No’ nel referendum costituzionale, a cui hanno contribuito con il proprio impegno a livello nazionale e locale.

Continua a leggere

Un NO nel merito di una riforma sbagliata

Ecco 300x263 Un NO nel merito di una riforma sbagliataI Verdi per un No di merito sul referendum costituzionale mani libere del Governo su energia, trivelle, inceneritori, discariche, autostrade…

I Verdi dell’Emilia Romagna si sono attivati per un no di merito sul referendum costituzionale.Numerose iniziative con Marco Boato, ex parlamentare della commissione affari costituzionali si sono tenute a Bologna, Forlì, Cesena, Bertinoro e si terranno a Modena, Reggio, Casalecchio. Mentre Matteo Badiali, portavoce dei Verdi Bologna si è impegnato in un confronto a Zola Predosa.

I Verdi ritengono questa riforma sbagliata nel merito ed invitano a valutarla su questo e non su schieramenti partitici. La Carta Costituzionale è tale proprio perchè vi si riconosce la stragrande maggioranza dei cittadini. Trasformare il confronto in un plebiscito sul Governo è un gravissimo errore,gravido di conseguenze negative per il futuro del Paese. Continua a leggere

NO al referendum sulla riforma costituzionale

logo comitato no14 300x300 NO al referendum sulla riforma costituzionaleDOCUMENTO PER IL “NO” NEL REFERENDUM SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE E SULLA CONNESSA LEGGE ELETTORALE
1. I Verdi italiani che sottoscrivono il presente documento ritengono sbagliato e inaccettabile che il referendum sulla riforma costituzionale, previsto per il 4 dicembre 2016, venga tramutato in una sorta di plebiscito a favore del Presidente del Consiglio Renzi e del suo Governo. Qualunque sia il giudizio che qualunque forza politica e qualunque cittadino o cittadina abbia nei confronti del Governo Renzi, che può essere positivo o negativo o anche articolato rispetto ai singoli provvedimenti del suo programma, nel referendum deve prevalere esclusivamente il giudizio sull’insieme della riforma costituzionale approvata dalla maggioranza del Parlamento secondo le procedure previste dall’art. 138 della Costituzione. Il quale art. 138 prevede anche la possibilità di promuovere un referendum (senza quorum di validità) su ogni legge di revisione costituzionale, qualora tale legge non sia stata approvata nell’ultima lettura da entrambe le Camere con i due terzi dei propri componenti. Continua a leggere

Robinie Canale dei Molini: ultimo atto

12193546 1496343714027577 6449126813326272295 n 265x300 Robinie Canale dei Molini: ultimo atto

Veduta del Canale e del boschetto

Sembra che stia per giungere al termine la vicenda che riguarda gli interventi lungo il Canale dei Molini, in Via Canale Inferiore Destra, a poca distanza dal Parco del Loto: è stata predisposta la chiusura della strada e sono state posizionate le macchine di movimento terra.

La vicenda nacque fra il 4 e il 7 febbraio 2015, con gli eccezionali eventi atmosferici che portarono all’allagamento di molte zone della Regione, fra cui anche Lugo e ingenti danni nei fiumi e nei canali. Anche il tratto del Canale dei Molini interessato riportò una frana, sul lato destro, quello senza alberi Continua a leggere

Traversine inquinate dell’Ilva di Taranto a Lugo

 Traversine inquinate dellIlva di Taranto a LugoMolti lughesi hanno appreso soltanto dai giornali, con stupore e un po’ di preoccupazione, dell’arrivo di 415 tonnellate di traversine di legno inquinato provenienti dall’Ilva di Taranto.

Dalle notizie che sono trapelate dalle agenzie di stampa, questa operazione fa parte del vasto intervento di bonifica dello stabilimento Ilva di Taranto, tristemente famoso ormai in tutta Italia, e attualmente in parte sotto sequestro. Fra le operazioni di bonifica è previsto anche lo smaltimento di ingenti quantità di traversine di legno. Oltre alle 415 tonnellate, dovranno esserne smaltite altre 25 mila. Si parla quindi di quantità non indifferenti. Non è chiaro se tutte arriveranno a Lugo oppure se verranno smaltite in centri diversi, in altre zone d’Italia.

Continua a leggere